Alternanza Scuola Lavoro: progetto “Caboose”

Alternanza Scuola Lavoro: progetto “Caboose”

  • luglio 2016
  • Posted By gtronca
  • 0 Comments

Giunge al termine il percorso di Alternanza Scuola Lavoro per i sette ragazzi del Liceo Scientifico Enrico Fermi di Sulmona, coinvoti dalla SINTAB srl in un progetto consistente nella realizzazione di un sistema di comunicazione che mette in collegamento l’atrio dell’Azienda con i vari settori interni quali: Formazione, Consulenza, Innovazione e Amministrazione.

Ai ragazzi sono stati messi a disposizione dei PC sui quali poter sviluppare il programma, dei Raspberry-Pi 2 per poter mettere in comunicazione i clienti con gli impiegati dell’Azienda, breadboard,  jumper e led con i quali hanno costruito il circuito prototipo del prodotto finale ed infine un laboratorio nella quale poter realizzare il loro progetto.

I ragazzi hanno lavorato due giorni alla settimana per quattro ore al giorno, seguiti dal tutor Andrea Frittella, dal presidente della SINTAB Srl Gianpaolo Tronca e dalla professoressa Angela Cicatelli.

WhatsApp-Image-20160726 (1)

Il cuore del progetto è il programma scritto in Bash “Caboose”, che gestisce altri due programmi scritti in Python 3. Attraverso tali programmi i due Raspberry comunicanti ricevono messaggi di input e output che accendono e spengono i led dei rispettivi settori a seconda della richiesta del cliente. Dopo aver sviluppato il programma è seguita la fase di sviluppo del circuito, collegando i jumper e i led alle breadboard ed ai GPIO dei Raspberry è stato possibile testare il funzionamento del programma.

WhatsApp-Image-20160726 (2)

Dopo aver eseguito queste due fasi, per i ragazzi è arrivata la parte più divertente del progetto, la saldatura del circuito sui tabelloni. Il gruppo, dopo aver scelto di chiamarsi “Caboose Industries” ha dichiarato “Non è stato facile realizzare il progetto ma le attrezzature messe a disposizione dall’Azienda e la quasi totale autonomia lasciataci nel lavoro hanno reso la nostra esperienza alla Sintab fantastica e molto divertente.”

Comments